Gran Canaria, Outdoor Destination
Report di Viaggio

Gran Canaria - Report di Viaggio

Un’isola che è un piccolo continente, dove poter praticare quasi tutte le attività outdoor preferite in un clima di eterna primavera

Testo di : Giorgio Basile (Verticalife)
Foto di: Giorgio Basile e Riccardo Cipullo (Verticalife)
Publicato il: 6 Febbraio 2018

Le strade del Verticalife sono sempre sorprendenti e, quasi per caso, qualche mese fa abbiamo incontrato nei nostri uffici Silvia, responsabile dell'ente del turismo di Gran Canaria in Italia. La combinazione di curiosità e ricerca di nuove destinazioni da parte nostra con la volontà dell'Ente del Turismo di promuovere lo sport outdoor a Gran Canaria ha fatto si che ci trovassimo qualche mese dopo seduti su un aereo diretto a Las Palmas, con un programma di viaggio bello intenso ed appetitoso organizzato apposta per noi!
I nostri compagni sono stati i rappresentanti di BikeItalia e BC Magazine, invitati per scoprire e promuovere il turismo in bici a Gran Canaria attraverso i loro magazine web e cartacei.
Da una fredda e piovosa mattinata tra Torino e Milano arriviamo dopo qualche ora di volo in un clima primaverile in terra canaria, e già lo spirito si riscalda! La prima notte la trascorriamo a Las Palmas, facendo una passeggiata notturna sulla immensa spiaggia cittadina.
La situazione è quella di una classica destinazione turistica di massa, il che non è proprio la nostra, ma sappiamo che il giorno dopo saremmo andati ad esplorare qualche valle interna per fare il pieno di natura e lasciarci alle spalle le città.

Gran Canaria: turismo attivo

Infatti al mattino presto partiamo in direzione sud per raggiungere l'altra città di Maspalomas, dove ci fermiamo brevemente per incontrare la guida di mountain bike e partire per la prima escursione.
Ma per farci godere al meglio l'escursione hanno ben pensato di farcela fare con delle super mtb biammortizzate a pedalata assistita! Certo ci sentiamo di truccare un po', ma siamo qua per lavoro... e questa è la business class della mountain bike!
I primi 20 km li percorriamo su stradine asfaltate che risalgono una valle che già si preannuncia stupenda, con alte pareti rocciose ai lati, paesini e piccoli ristoranti caratteristici ricavati da grotte naturali. Arriviamo ad una diga e poi iniziamo lo sterrato che tra sali e scendi ci porta quasi fino al fondovalle, da dove torniamo indietro un pezzo per risalire poi ad un passo che ci porta in una seconda valle. Da questo colle la vista è magnifica, dagli imponenti picchi rocciosi che delimitano i canyon all'infinito oceano!

Gran Canaria: mountain bike tour

Il percorso, sempre su strada sterrata larga ma a tratti con fondo roccioso, attraversa la nuova valle e poi ancora un'altra fino ad arrivare nei pressi di Fataga, dove ci fermiamo per riposare prima dell'ultima parte.
Gli ultimi 20 km sono di discesa a cannone, anche perchè non volevamo farci superare dalle jeep dei "safari" (non si capisce per quale tipo di animale...) che ci avrebbero impanati con tutta la polvere che sollevano! Arriviamo a Maspalmoas dopo quasi 60 km e 2000 m di dislivello, ben impolverati e con la gioia negli occhi per questa gran giornata!
Un pranzo a Playa dell'Ingles (altro posto da evitare per chi cerca tranquillità fuori dal turismo di massa) ci ricarica come si deve e poi terminiamo la giornata di visite con le dune della spiaggia di Maspalomas, dove sembra di essere nel Sahara (se non si guardano gli hotel alle spalle) ed uno spot di windsurf e surf in tipico villaggio di pescatori e, appunto, amanti delle onde!

Viaggio a Gran Canaria

Il secondo giorno visitiamo la valle di Fataga e quella di Sorrueda, dove si trova anche un interessante museo etnografico sulla vita degli antichi canari, la popolazione autoctona presente sull'isola fino all'arrivo degli europei. Vicino al museo visitiamo un sito archeologico dove alcuni studiosi stanno scavando e registrando i ritrovamenti, Un'archeologa ci fa da guida per un'oretta introducendoci all'antica vita della gente di queste vallate magiche.
Nel pomeriggio insieme alle nostre guide Miguel e Carlos andiamo nel canyon di Fataga, dove si trova uno dei settori di arrampicata di Gran Canaria. Il posto è molto suggestivo, si scala sulle pareti alte fino a 25 metri facendo sicura sul letto del fiume oramai secco da un bel po'. Proprio per questo i primi metri di ogni tiro sono i più lisci e tecnici, mentre dopo si viaggia su buone prese su questa roccia vulcanica.
Vorrei già rimanere qua per altri 3-4 giorni in più e visitare le altre falesie nelle diverse valli dell'isola, che ci vengono descritte appassionatamente dalle nostre guide.
Purtroppo il pomeriggio passa in fretta e con il calare del sole rientriamo con un viaggio tra le montagne e poi lungo la costa per Las Palmas, dove terminiamo la giornata con un giro al mercato del pesce dove si trovano diversi ristorantini che servono tapas e cerveza fresca!
Dopo aver esplorato le valli a Sud dell'isola, caratterizzate da un clima più arido, ora siamo curiosi di visitare le valli a nord, dove invece c'è un clima più umido ed un ambiente più verde!

Arrampicata Gran Canaria

All'alba del terzo giorno il cielo sopra Las Palmas non promette nulla di buono, ma non appena iniziamo a risalire in macchina i tornanti verso il Roque Nublo intravediamo già delle macchie azzurre nel cielo. Poi improvvisamente siamo sopra le nuvole, attraversando pinete fantastiche che coprono i pendii delle montagne. Attorno ai villaggi c'è tanto verde e ci sono anche molte terrazze da coltivazione che rendono sempre il panorama più suggestivo.
Arrivati al Roque Nublo, con la guida di trekking, ci incamminiamo per una di queste foreste magiche, ancora al fresco del primo mattino. Il sentiero è molto bello, e passa anche attraverso delle grandi rocce dove fare un po' di scrambling, fino a raggiungere uno dei primi punti panoramici. Improvvisamente, sull'enorme spianata che raggiungiamo, sembra di trovarsi sulla Luna. Poi lo guardo capisce tutto quel che c'è intorno e si rimane senza fiato per l'ampio panorama che raggiunge il Teide, il vulcano dell'isola di Tenerife, e spazia su tutta l’isola.
Dopo le foto di rito proseguiamo per la Ventana del Nublo, un arco roccioso naturale che forma una finestra dove vedere il panorama sempre più bello sul Teide e il Roque Nublo (se fossimo in India questa roccia di forma fallica sarebbe uno dei posti più sacri del paese!). Continuiamo "in quota" e dopo una breve risalita arriviamo sul secondo punto più alto dell'isola, il monte Campanario (1917 m.), giusto di fronte al numero 1, dove però si arriva in macchina!
La discesa nella pineta è una piccola magia, e invidio un po' i vari corridori che incontriamo mentre risalgono i sentieri. Qua è proprio bello per correre e lanciarsi giù in discese folli!
Pranziamo nel panoramico paese di Tejeda, circondati da un paesaggio in stile sudamericano, con torri rocciose, creste sinuose, profonde valli ricoperte di vegetazione e terrazze tra i villaggi contadini che creano un quadro da dove non vorremmo allontanarci mai più!

Gran Canaria: viaggio trekking

La sera visitiamo il centro storico di Las Palmas, che ci fa ricredere un po' di più sul resto della città, e tra tapas e cerveza trascorriamo una bella serata che finisce un po' tardi...
Al mattino, prima di prendere il volo delle 14, abbiamo ancora tempo per provare l'ultima attività del viaggio : il surf! Raggiungiamo un po' in ritardo la scuola di surf sulla spiaggia de Las Canteras (proprio a Las Palmas), ma in pochi minuti siamo in acqua. Le condizioni non sono delle migliori, con onde che si rompono disordinatamente, vento e pioggia, ma ci divertiamo in ogni caso sulle schiumette e lottando tra le forti correnti! Ci stava un po' di sveglia nell'oceano!
Rigenerati da questo bagno partiamo giusto in tempo per raggiungere l'aeroporto e prendere la combinazione di voli che ci riporta a Linate e poi in treno a Torino. Ci si rimette il piumino e la cuffia, pioviggina...ma le ossa e lo spirito si sono ricaricati di primavera e sole!
Un ringraziamento particolare a Silvia Donatiello che ha organizzato per noi e gli altri compagni di viaggio questo tour spettacolare, così come a Valentin e Saro dell'Ente del Turismo e a tutte le guide che ci hanno accompagnato, delle persone veramente interessati, preparate e disponibili!
Preparatevi perchè presto troverete sul nostro sito qualche bel tour di Gran Canaria, ovviamente in versione outdoor ed in puro stile Verticalife! Intanto potete già farvi stuzzicare dall’idea di un camp d’arrampicata (che volendo può essere abbinato anche ad altre attività outdoor).

Viaggio a Gran Canaria: Surf

Via Argentero 6, Torino

info@verticalife.it

011.0891022

agenzia viaggi e tour operator outdoor a Torino

VERTICALIFE snc
Outdoor Travel Company - Tour Operator
Via Argentero, 6
10126 - Torino
P.IVA 11464190013 - CF: 11464190013
+39 011 089 1022
info@verticalife.it