fbpx

Trekking Invernale
Come preparare un’escursione sulla neve

Come preparare un'escursione invernale

Un piccolo vademecum per prepararvi al meglio ad un’escursione invernale, evitare rischi inutili e godervi la montagna innevata.

L’inverno tra i monti è una stagione fantastica, la neve trasforma l’ambiente e rende tutto più magico e selvaggio, e la voglia di farsi una camminata immersi nella natura immacolata cresce in tutti noi ai primi fiocchi che arrivano.
Andare a fare un’escursione in montagna d’inverno è un’abitudine che vi consigliamo di prendere, noi ne siamo già ben drogati, ma per divertirvi e avventurarvi in sicurezza bisogna prendere le giuste precauzioni ed informarsi per bene.
Per questo abbiamo preparato una piccola check list per la preparazione di una gita invernale, basata sulla nostra esperienza personale di frequentatori della montagna e come guide escursionistiche/alpine.


IL METEO

 

  • Come sarà il meteo domani? controllate la sera prima se ci sono aggiornamenti dell’ultimo momento.
  • Non dimenticate di guardare se c’è vento e da dove soffia. In caso di forti raffiche previste conviene scegliere una gita con esposizione opposta da cui arriva il vento, in modo da non averlo in faccia durante tutta la salita.
  • Se sono previste nubi o nevicate prendete dei punti di riferimento durante la salita, possono tornarvi utili in discesa o in caso di ripiegata!

 

Organizzare escursione sulla neve

LE CONDIZIONI DELLA NEVE

 

  • Se passate da un rifugio o andrete su qualche colle o vetta nelle vicinanze, fate una chiamata per chiedere se ci sono avvisi particolari. Se non ci sono rifugi chiamate l’ufficio Guide Alpine più vicino.
  • Bollettino valanghe : imparate a leggerlo e soprattutto quando c’è rischio da 3 marcato in su evitate pendii ripidi (anche solo brevi tratti) o passaggi in gole strette. I boschi di larici e le abetine sono l’ideale con condizioni di pericolo alto, quindi in generale per gite fino a circa 2200 m. di quota (a seconda della zona).
  • Se avete in previsione di fare delle escursioni su pendii più impegnativi dovreste essere muniti di artva, pala e sonda e magari frequentare prima un corso di nivologia per imparare a valutare i diversi tipi di neve.
  • In caso di cambiamenti climatici o situazioni ambientali poco sicure non rischiate troppo, in particolare se avete poca esperienza, la montagna resta sempre lì e potete tornarci un’altra volta con condizioni migliori o più preparati. Una giornata in montagna è sempre bella quando si torna a casa tutti interi e carichi dell’energia della natura!

 


LA SCELTA DELL’ITINERARIO

 

  • Se siete alle vostre prime uscite e non avete amici esperti a cui affidarvi scegliete un itinerario facile, con poco dislivello e senza pendii ripidi, magari con un rifugio nelle vicinanze dove potervi scaldare o fermare qualora le condizioni lo richiedessero.
  • Leggete online tutte le informazioni sulla gita ed eventuali commenti che trovate di altri escursionisti. Sul sito gulliver.it trovate un bel database di escursioni per qualunque attività, con i commenti di chi le ha fatte più recentemente.

 

Consigli per organizzare un'escursione invernale

ATTREZZATURA

 

  • Ricordatevi ramponcini leggeri e bastoncini, sono attrezzi davvero salvavita (o anche solo salva-gita), costano poco ed occupano poco spazio.
  • Ciaspole o no? Ovviamente dipende dalla “quota neve”, dall’esposizione della gita, e da quanto ha nevicato.
    Dopo una giornata o più di neve abbondante, le ciaspole sono obbligatorie, e continuano ad esserlo anche per diversi giorni a seguire sui versanti esposti a Nord, in quanto poco soleggiati e quindi con la neve che rimane farinosa a lungo. Se invece non nevica da tanti giorni la neve è già ben “trasformata” e quindi può essere dura al mattino presto e poi più morbida verso mezzogiorno. Magari si sale anche con i ramponcini ma poi a scendere servono le ciaspole se no si sfonda troppo.
    Se fa parecchio caldo, anche con neve trasformata, aspettatevi di trovare neve molle e quindi le ciaspole sono indispensabili (ed una buona gamba perchè la neve sarà pesante).
  • Se fate un’escursione notturna, ovviamente non dimenticate la torcia frontale... con batterie cariche!

 


TELEFONO E GPS

 

  • Il telefono, oltre che per fare le foto, è sempre buono averlo dietro nel caso dobbiate fare una chiamata d’emergenza.
  • Applicazioni utili per mandare segnali ai soccorsi qualora non ci sia campo sono GeoResq o FlagMii...e ricordatevi che per chiamare i soccorsi il numero unico europeo è il 112
  • Scaricatevi un’applicazione come OsmAnd con la relativa mappa della regione in cui farete l’escursione, per avere la vostra posizione gps qualora vi perdiate.
  • Non dimenticate di caricare al massimo la batteria del vostro telefono. Siamo nel 2020 e la tecnologia può aiutare...poi potete sempre tenere il telefono in modalità aerea in modo che nessuno vi disturbi e la batteria duri più a lungo (ma il gps funzionerà comunque).
  • Una mappa cartacea è anche sempre consigliata.

 


E per concludere non dimenticate di comunicare ai vostri familiari dove andrete e che per ora prevedete di tornare.
In caso di incertezze, prima di avventurarvi da soli o con amici inesperti quanto voi, affidatevi ad una guida escursionistica o alpina per fare le prime gite ed imparare sul campo con gli esperti del settore. Il Verticalife organizza escursioni con ciaspole per tutti i livelli, sia private che in gruppo, tra le Alpi di Piemonte e Valle d’Aosta.
Ricordatevi che con una buona preparazione è difficile finire “nei casini”, e qualche decina di minuti persa ad informarvi vale molto di più che dover chiamare un soccorso, che come minimo costa alla società qualche migliaia di euro.

© 2008-2020 Verticalife |
Condizioni generali | Pagamenti | Privacy | Sitemap
Via Argentero, 6 10126 - Torino | +39 011 089 1022 |
info@verticalife.it
P.IVA 11464190013 - CF: 11464190013 | Iscritto al CCIAA di Torino R.E.A. TO-1216055 | Fondo di garanzia: Vittoria N. 631.36.922319
Codice univoco : W7YVJK9 | Pec : verticalife@pec.it

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella informativa cookies.